© 2017 SAM BASKET Massagno.

Contatti

SAM BASKET Massagno

Casella Postale 301

6908 Massagno

info@sambasketmassagno.com

Non basta un Super Moore. SAM sconfitta nel derby


La prima uscita della SAM Basket Massagno in questo inedito (per noi) turno intermedio ha visto i nostri tornare a casa mani vuote.


L'Istituto Elvetico con il suo Lugano Tigers non erano certo il migliore degli l'esordi per Gubitosa e i suoi ragazzi, ma bisognerà presto rendersi conto che quest'anno la SAM siede al tavolo dei migliori sei, dove le portate sono di un certo livello!

Nessuno pagherà il conto, è vero, tutte le squadre sono infatti già qualificate ai Playoff, ma se si vuole uscire facendo bella figura e magari evitando di pescare proprio i bianconeri ai quarti di finale, bisognerà riuscire a portare a casa almeno quattro punti (Neuchâtel e Boncourt?).

La prima delle cinque contendenti della fase a orologio era proprio il Lugano Tigers di capitan Stockalper, semplicemente troppo forte Sabato. La SAM è parsa subito in difficoltà dopo i primi minuti, chiudendo il primo quarto in ritardo di 14 punti (25-11).

Nei secondi dieci minuti Moore suona la carica ed insieme anche alla buona prestazione di Appavou, Massagno riesce a far suo il quarto (24-26) chiudendo sotto 49-37 alla pausa lunga.

Stockalper (21) e Carey (22) sono troppa cosa per i ragazzi della collina che non riescono a ricucire lo strappo prima del 40esimo nonostante una rimonta assurda a ridosso del quarto periodo, dove da -26 i ragazzi si sono riportati fino a -8, senza tuttavia riuscire nella remuntada. Finisce 86-74 per i Tigers.

Aspetti positivi

Perdere non è mai una buona cosa, ma anche nella sconfitta contro i Tigers si possono trovare alcuni aspetti positivi in vista delle prossime uscite.

La prestazione "monstre" del cecchino della North Carolina (27 punti, 5/8 da 3pts, 8/8 dai liberi) può far ben sperare coach Gubitosa e Cabibbo. Quando conta, Keon Moore sembra rispondere presente ed i Playoff sono distanti solo una manciata di partite...


Jules Aw ritrova il feeling con la doppia doppia dopo l'operazione al setto nasale che gli aveva condizionato le ultime uscite. Per lui contro i Tigers 12 punti e 12 rimbalzi di cui 5 d'attacco.

Fabio Appavou è diventato oramai una certezza per lo staff massagnese. Il suo ottimo atteggiamento in partita sia in fase difensiva che in quella offensiva ha permesso alla SAM di recuperare ancora una volta un parziale pesantissimo riportandosi pericolosamente a ridosso dei bianconeri nell'ultimo quarto.

Marco Magnani non ha lasciato il segno nella partita, anche perché il play di Reggio non era nemmeno nella lista dei convocati, sempre alle prese con l'infortunio alla caviglia. La sua assenza però, potrebbe rappresentare un'altra freccia nella faretra di Gubitosa e Cabibbo da tirare fuori al rientro. La SAM sta facendo a meno di uno dei suoi migliori playmaker da diverse partite oramai, ma nonostante questo è riuscita a cavarsela sempre egregiamente.

Che un ritorno di Magnani in vista Playoff possa dare quella spinta in più alla squadra per fare qualche "vittima illustre"?

Il tabellino della partita:

Lugano Tigers: Carey 22, Stockalper 21, Williams 14, Molteni 12, Padgett 6, Rambo 6, Steinmann 5.

SAM Basket Massagno: Moore 27, Aw 12, Roberson 12, Jankovic 11, Ongwae 4, Martino 4, Appavou 4.


0 visualizzazioni