top of page
Cerca

UNA VITTORIA ADRENALINICA A LUGANO

LUGANO - Sulla carta sarebbe dovuta essere una partita a senso unico viste le posizioni in classifica e i risultati settimanali: vittoria netta a Basilea per la Spinelli Massagno e sconfitta bruciante per i Lugano Tigers a Lucerna.

Così non è stato. La partita ha riservato diverse emozioni e tanta adrenalina per una vittoria conquistata dalla squadra di Robbi Gubitosa che continua ad essere prima in classifica. Il derby è sempre il derby. Finale di gara 89-95: vittoria, tanta adrenalina, due punti in cascina e una settimana per smaltire le scorie prima di affrontare la BBC Nyon a Nosedo.


DICHIARAZIONE La dichiarazione post match di Juwan James, MVP nel match contro i Lugano Tigers: «Non abbiamo iniziato il match con la giusta carica e questo è stato il problema. Non voglio togliere nulla ai Tigers, hanno giocato con tanta aggressività anche se erano senza i giocatori stranieri. In alcuni momenti l'arbitraggio è stato inaccettabile ed è difficile giocare a basket in questo modo. Comunque abbiamo vinto e ogni vittoria è importante anche se non è bello vincere così. Siamo ancora primi in classifica e di sicuro vogliamo vincere le prossime partite giocando meglio».


CRONACA

Primo quarto, i primi cinque minuti di gioco sono a favore dei Tigers che si portano sul punteggio di 16-9. La doppia cifra per la Spinelli arriva con Williams, 16-11. In questa fase è il Lugano a fare la partita e a condurre e il Massagno si rifà sotto con Zoccoletti che piazza la tripla del 20-16 in risposta ai tre punti appena segnati da Dall'Acqua. I Tigers corrono e Massagno è in scia, tripla di Williams e 22-19. Poi Zinn allunga di nuovo con un tiro da due: 24-19. Il quarto termina 27-19.


Secondo quarto. Zinn subito a segno con un tiro da due, 29-19. Sequenza di punti da parte della Spinelli chiusa da Williams che insacca un canestro completamente accerchiato dagli avversari, 29-28. Fase di stallo del match con ancora i Tigers a condurre per 34-33, dopo i due punti di Andjelkovic. Spinelli Massagno vicinissima ai Tigers con il canestro di Galloway, 38-37. Il sorpasso arriva poche azioni dopo con Marko Mladjan, 38-39. Il Lugano reagisce, va ancora vanti e Gubitosa chiama il time-out. In chiusura, tripla di Marko Mladjan 45-48 e risposta immediata dei Tigers: si va al riposo sul 47-50.


Il terzo quarto infiamma spettatori e il parquet dell'Elvetico. La tripla di Warren rimanda avanti i Tigers 55-52 e poco dopo allunga fino al 57-52 con i due punti di Dall'Acqua. Poi una sequela di canestri alternati portano il punteggio sul 61-58. Da qui la Spinelli Massagno effettua il sorpasso decisivo con Galloway che schiaccia di potenza 65-67 e poco dopo Bogues piazza una tripla 68-70, Il tempo termina sul 74-74 con i quattro tiri liberi messi a segno da Zinn (cinque in totale quelli assegnati).

L'ultimo quarto è adrenalina pura. All'avvio James e Bogues portano la Spinelli a 80 punti, Tigersi fermi a 74. Fase di stallo con diversi canestri per parte e punteggio sul 80-86. Poi inizia la fase più adrenalinica del match. Palla nella mani di di Warden: tripla e 83-86. Uno su due dalla lunetta con Ali, 84-86. Marko Mladjan allunga, 84-88 e Warden la mette ancora da tre: 87-88. Ancora Bogues, 87-90 e subito dopo Zinn con i due tiri liberi: 89-90. Poi, la Spinelli Massagno effettua l'allungo decisivo valido per la vittoria: 89-95.

HIGHLITHS


TABELLINO

Lugano Tigers: Zinn 29 (8/10 T2, 0/3 T3, 13/15 TL), Warden 27, Mina 12. Rimbalzi: Warden 11. Assist: Zinn 11. All.: Valter Montini.

Spinelli Massagno: M. Mladjan 22 (5/88 T2, 4/8 T3, 0/1 TL), Bogues 18, James 16. Rimbalzi: Galloway 12. Assist: James 8. All.: Robbi Gubitosa MVP: Warden per i Lugano Tigers; James per la Spinelli Massagno

Impianto: Istituto Elvetico (Lugano), spettatori: 200


Qui le statistiche complete

bottom of page